Settore Associato: 

Quindi,
spinto dalla mia curiosità,
uscii
ad osservare la grande quantità
di forme svariate e singolari
create dall’ingegnosa natura.
(Leonardo da Vinci)

Ero anch'io spinto dalla curiosità quando, dopo aver terminato i miei studi nell'estate del 1985, risposi ad un annuncio apparso su un giornale. Un'azienda operante nel settore della pittura e del disegno situata nella Baviera settentrionale stava cercando un socio…

Il vasto campo dei pennelli e la molteplicità di forme e ambiti di applicazione che incontrai all'interno della manifattura di pennelli per belle arti "da Vinci" mi affascinò immediatamente, ed il gran numero di persone così diverse che in ogni paese si interessava a questo utensile da pittura apparentemente così profano rendeva questo nuovo mondo ancora più eccitante per me. In occasione delle fiere internazionali e dei molti viaggi di lavoro compiuti attorno al mondo imparai poi a conoscere i mercati più disparati di articoli per belle arti. La galleria annessa alla manifattura mi consentì inoltre di scoprire le correnti attuali dell'arte moderna, mentre i miei soci, Marianne e Hansfried Defet, si dimostravano maestri esemplari nel prepararmi al meglio alle mie mansioni.

Essendo il quarto figlio di una famiglia di rilegatori di libri e produttori di articoli da cancelleria, l'ambiente di mercato di molti dei nostri clienti e le sue strutture mi erano relativamente familiari. Tuttavia, la centenaria tradizione delle numerose fabbriche e manifatture di pennelli che sorsero a Norimberga nel corso del 19º secolo, e che si svilupparono dando vita ad un fiorente settore in quella che un tempo era stata una città libera dell'impero era per me completamente sconosciuta.

Con il tempo giunsi a comprendere molto bene perché la manifattura “da Vinci” aveva deciso di specializzarsi nella produzione di pennelli per belle arti di fascia alta, ponendosi fin dall'inizio il chiaro obiettivo di imporsi con un proprio marchio di qualità non solo in Europa, bensì in tutto il mondo.

La lungimirante decisione dei “Defet” di far registrare fin da subito il nome del genio universale e grande artista

Leonardo da Vinci

come marchio - iscritto e confermato dall’Ufficio brevetti tedesco nel 1952, ovvero 60 anni fa – gettò anch’essa le basi per l'internazionalizzazione delle vendite, un ambito del quale arrivai ad assumere la responsabilità nel corso degli anni.

La sentita e vissuta filosofia aziendale si fondava sulla massima che voleva i migliori materiali e la tradizionale maestria artigiana sposati al progresso tecnologico per offrire una gamma di prodotti attuale e di elevata qualità.

Ulteriori tappe fondamentali nel positivo sviluppo di cui l’azienda ha goduto nei decenni passati sono state, da una parte, la decisione presa all'inizio degli anni 80 di lanciare una gamma completa di pennelli cosmetici - anch'essa con il marchio da Vinci -, la quale beneficiò in particolare dell’innovativo design impressole da Marianne Defet; d'altra parte, la politica perseguita consapevolmente dal 1990 soprattutto da Hansfried Defet, e volta a riunire tutte le forze per sviluppare alternative meccaniche e riuscire quindi a consolidarsi anche nel segmento scolastico con una linea di pennelli sintetici di elevata qualità – da Vinci JUNIOR. In seguito alla costruzione di una filiale in Tillysstraße, anche questo risultato è stato raggiunto con grande successo.